Dante e la Biblioteca Guarneriana

Dante Guarneriano. Bellezza in codice.

Patrimonio della Biblioteca Guarneriana di San Daniele del Friuli, una delle più antiche copie al mondo dell’Inferno di Dante Alighieri è da oggi disponibile per chiunque in un’edizione fedelissima

Biblioteca Guarneriana 01 - San Daniele 2020 www.sandaniele2020.itÈ ora disponibile al pubblico l’edizione fedelissima in “fac simile” del preziosissimo manoscritto Fontaniniano 200 custodito nella Biblioteca Guarneriana di San Daniele del Friuli, che tramanda una delle copie più antiche al mondo dell’Inferno di Dante Alighieri.

L’opera ha per titolo: “Dante Guarneriano. Bellezza in codice”, ed è stata curata da Angelo Floramo, direttore scientifico della Biblioteca. Il traguardo editoriale, che porta i tipi di Roberto Vattori, valorizza uno degli esemplari più antichi dell’Inferno dantesco, arricchito da splendide miniature nonché da ben due commenti, uno in latino, di Graziolo de’Bambaglioli, autore considerato fra i più importanti glossatori del Poeta, e l’altro, in volgare, composto fra il 1324 e il 1334, che sta riservando molte sorprese per quanto concerne la sua attribuzione, configurandosi come un inedito assoluto mai prima trascritto né debitamente studiato.

Il Codice è stato riproposto sia nella fedele riproduzione fotografica integrale di ogni sua carta, rispettandone dimensioni e formato, sia nell’esame delle sue parti operato secondo un principio di analisi stratigrafica e tesa ad evidenziarne tutte le peculiarità più rilevanti e degne di nota.

Biblioteca Guarneriana 02 - San Daniele 2020 www.sandaniele2020.itDa una ricognizione della fortuna di Dante in Friuli, curata da Matteo Venier dell’Università di Udine, si passa a un’attenta e puntuale analisi dello splendido e articolato repertorio iconografico che il manoscritto restituisce in tutta la sua bellezza in virtù dello studio comparativo firmato da Carlo Venuti. Mario D’Angelo si è occupato della descrizione del manoscritto da un punto di vista tecnico, sia codicologico che paleografico, offrendo una utilissima disamina del manoscritto inteso come laboratorio testuale totale.

Angelo Floramo ha studiato il commento latino di Graziolo de’Bambaglioli, di cui il codice è depositario assieme ad altri due manoscritti al mondo soltanto, offrendone una traduzione in lingua italiana, affinché ci si possa accostare alla bellezza di un testo ricco di fascino e di vivace erudizione. Fabio Valerio, che ha riprodotto fotograficamente il codice ad altissima definizione, ha infine curato la trascrizione semidiplomatica di tutti i testi assieme alla comparazione delle varianti grafiche fra i versi di Dante tramandati dal codice Fontaniniano e la versione universalmente accreditata come testo della Divina Commedia.

L’impaginazione della trascrizione è stata fedelmente speculare alla “mise en page” del manoscritto, in modo tale da rendere godibile il raffronto con la copia anastatica. Nella sua veste grafica definitiva l’opera è contenuta in un cofanetto di cui fanno parte la riproduzione anastatica del manoscritto (vol.1) e la raccolta di studi monografici d’accompagnamento (vol.2). La prolusione del volume è a firma del dantista di fama mondiale Piero Boitani. (Fonte: TurismoFVG)

Biblioteca Guarneriana

via Roma, 1
33038 San Daniele del Friuli
tel. (+39) 0432 946560
fax (+39) 0432 946569

info@guarneriana.it

www.guarneriana.it

Condividi

    I commenti sono chiusi.