Canto 31 | “Raphél maì amèche zabì almi”

CANTO 31

“Raphél maì amèche zabì almi”

Ubicazione: Via San Sebastiano – Parco del Castello – Terzo livello
Autore: Giorgio Bertoli (Capogruppo A GIOVE, Angela Sanchini, GIOrgio Bertoli, VErbanaz Lorenzo) di Villesse (GO), Lorenzo Verbanaz di Trieste e Angela Sanchini di Polcenigo (PN)

 

Natura certo, quando lasciò l’arte di sì fatti animali, assai fé bene per tòrre tali essecutori a Marte.

L’uomo ha continuato però a creare mostri, a usare le lingue per creare il diverso, a usare Dio e le Religioni per alimentare Marte, la guerra, ma questo alimentare l’odio e la paura verso il diverso ci incatena e ci lega le mani, come i giganti, non consentendoci di tendere verso la felicità.

DSC_0001mDSC_0002mDSC_0003m

Condividi

    I commenti sono chiusi.