Canto 18 | Linguaccia

CANTO 18

Linguaccia

Ubicazione: Via del Lago – Parco Acquaderni
Autore: Gianfranco Pezzetta (Capogruppo) di Buja (UD), Mariangela Pezzetta di Buja (UD), Bernardino Pittino di Udine, Federica Moneghini in Pezzetta di Buja (UD), Jacopo Pezzetta di Buja (UD) e Rachele Pezzetta di Buja (UD)

 

Il canto diciottesimo dell’ Inferno di Dante Alighieri si svolge nella prima e nella seconda bolgia dell’ottavo cerchio, ove sono puniti rispettivamente i ruffiani, seduttori ed adulatori.

Fra i ruffiani, nella prima bolgia, spicca la figura di Venedico Caccianemico che arrivò al punto di far prostituire la sorella Ghisolabella alle voglie del marchese Obizzo II d’Este con l’unico scopo di farsi benvolere dal principe.

L’opera, che vuole affrontare i temi della seduzione e dell’adulazione, viene sintetizzata nella figura di un dannato che fuoriesce con parte della testa dal suolo in cerca delle sue vittime. La lingua diventa l’elemento caratterizzante di tutta la composizione.

DSC_2129DSC_2615DSC_2654DSC_0385

Condividi

    I commenti sono chiusi.